La nostra strato

Manutenzione


Come decodificare i serial number della Fender made in U.S.A. :

Quanti di noi fortunati possessori di una bella Strato made in U.S.A. si saranno chiesti, specie se il nostro tesoro è un’usato un po datato,  quando è stata prodotta la mia chitarra, che modello sarà ?

Questa tabella penso potrà aiutarvi a rispondere a questa domanda, quindi, girate la paletta e date un’occhiata al numero di serie.


SERIAL NUMBERS PRODUCTION DATES
dal 6000 ( 1950 al 1954 )
dal 10,000 ( 1954 al 1956 )
10,000s 19551956
10,000s to 20,000s 1957
20,000s to 30,000s 1958
30,000s to 40,000s 1959
40,000s to 50,000s 1960
50,000s to 70,000s 1961
60,000s to 90,000s 1962
80,000s to 90,000s 1963
90,000s up to L10,000s 1963
L10,000s up to L20,000s 1963
L20,000s up to L50,000s 1964

in Gennaio 1965, Fender passa alla CBS Corporation.

SERIAL NUMBERS PRODUCTION DATES
L50,000s up to L90,000s 1965
100,000s 1965
100,000s to 200,000s 1966 to 1967
200,000s 1968
200,000s to 300,000s 1969 to 1970
300,000s 1971 to 1972
300,000s to 500,000s 1973
400,000s to 500,000s 1974 to 1975
500,000s to 700,000s 1976

SERIAL NUMBERS PRODUCTION DATES
76 + 5 DIGITS
S6 + 5 DIGITS 1976
S7 + 5 DIGITS
S8 + 5 DIGITS 1977
S7 + 5 DIGITS
S8 + 5 DIGITS
S9 + 5 DIGITS
1978
S9 + 5 DIGITS
E0 + 5 DIGITS
1979
S9 + 5 DIGITS
E0 + 5 DIGITS
E1 + 5 DIGITS
1980
S9 + 5 DIGITS
E0 + 5 DIGITS
E1 + 5 DIGITS
1981

SERIAL NUMBERS PRODUCTION DATES
EI + 5 DIGITS
E2 + 5 DIGITS
E3 + 5 DIGITS
V + 4, 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1982
(For U.S. Vintage Series, check neck date for specific year)
E2 + 5 DIGITS
E3 + 5 DIGITS
V + 4, 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1983
(For U.S. Vintage Series, check neck date for specific year)
E3 + 5 DIGITS
E4 + 5 DIGITS
V + 4, 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1984
(For U.S. Vintage Series, check neck date for specific year)

SERIAL NUMBERS PRODUCTION DATES
E3 + 5 DIGITS
E4 + 5 DIGITS
V + 4, 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1985
(For U.S. Vintage Series, check neck date for specific year)
V + 4, 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1986
(For U.S. Vintage Series, check neck date for specific year)
E4 + 5 DIGITS
V + 4, 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1987
(For U.S. Vintage Series, check neck date for specific year)
E4 + 5 DIGITS
E8 + 5 DIGITS
V + 4, 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1988
(For U.S. Vintage Series, check neck date for specific year)
E8 + 5 DIGITS
E9 + 5 DIGITS
V + 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1989
(For U.S. Vintage Series, check neck date for specific year)

SERIAL NUMBERS PRODUCTION DATES
E9 + 5 DIGITS
N9 + 5 DIGITS
N0 + 5 DIGITS
V + 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1990
(For U.S. Vintage Series, check neck date for specific year)
N0 + 5 DIGITS
N1 + 5 or 6 DIGITS
V + 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1991
N1 + 5 or 6 DIGITS
N2 + 5 or 6 DIGITS
V + 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1992
N2 + 5 or 6 DIGITS
N3 + 5 or 6 DIGITS
V + 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1993
N3 + 5 or 6 DIGITS
N4 + 5 or 6 DIGITS
V + 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1994
N4 + 5 or 6 DIGITS
N5 + 5 or 6 DIGITS
V + 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1995
N5 + 5 or 6 DIGITS
N6 + 5 or 6 DIGITS
V + 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1996
N6 + 6 or 6 DIGITS
N7 + 5 or 6 DIGITS
V + 5 or 6 DIGITS (U.S. Vintage Series except ’52 Telecaster) 1997
N7 + 5 or 6 DIGITS
N8 + 5 or 6 DIGITS
V + 5 or 6 DIGITS (American Vintage Series) 1998
N8 + 5 or 6 DIGITS
N9 + 5 or 6 DIGITS
V + 5 or 6 DIGITS (American Vintage Series except ’52 Telecaster) 1999

SERIAL NUMBERS PRODUCTION DATES
N9 + 5 or 6 DIGITS
Z0 + 5 or 6 DIGITS
DZ0 + 5 or 6 DIGITS (Am. Deluxe)
V + 5 or 6 DIGITS (American Vintage Series except ’52 Telecaster) 2000
Z0 + 5 or 6 DIGITS
Z1 + 5 or 6 DIGITS
DZ1 + 5 or 6 DIGITS (Am. Deluxe)
V + 5 or 6 DIGITS (American Vintage Series except ’52 Telecaster) 2001
Z1 + 5 or 6 DIGITS
Z2 + 5 or 6 DIGITS
DZ2 + 5 or 6 DIGITS (Am. Deluxe)
V + 5 or 6 DIGITS (American Vintage Series except ’52 Telecaster) 2002
Z2 + 5 or 6 DIGITS
Z3 + 5 or 6 DIGITS
DZ3 + 5 or 6 DIGITS (American Deluxe Series)
V + 5 or 6 DIGITS (American Vintage Series except ’52 Telecaster) 2003
Z3 + 5 or 6 DIGITS
Z4 + 5 or 6 DIGITS
DZ4 + 5 or 6 DIGITS (Am. Deluxe)
V + 5 or 6 DIGITS (American Vintage Series except ’52 Telecaster)
XN4 + 4 Digits 2004
Z4 + 5 or 6 DIGITS
Z5 + 5 or 6 DIGITS
DZ5 + 5 or 6 DIGITS (Am. Deluxe)
V + 5 or 6 DIGITS (American Vintage Series except ’52 Telecaster)
XN5 + 4 Digits 2005

ODD SERIAL NUMBER

NUMBER DESCRIPTION
AMXN + 6 DIGITS California Series electric guitars and basses, ’97 and ’98
DN + 6 DIGITS American Deluxe series instruments, ’98 and ’99
NC(XXXXXX) Squier Strat Bullets (dating unclear)
FN(XXXXXX) US made guitars and basses destined for the export market. Some may have stayed in the U.S or found their way back (Made to Standard Strat specs, dating unclear)
I(XXXXXXX) A limited number of these “I” series guitars were made in ’89 and ’90. They were made for the export market and have Made in USA stamped on the heel of the neck.
LE(XXXXXX) Blonde Jazzmasters and Jaguars with Gold hardware made in 1994. Sold as a promotional 3 piece set with a Blonde Deluxe Reverb Amp
CN(XXXXXX)
VN(XXXXXX) Korean made Fender/Squier guitars (dating unclear)
CA(XXXXX) Gold Strat 1981, 82 and 83
CB(XXXXX) Precision Bass Special from 1981, CB(XXXXX) Gold Jazz Bass from 1982
CC(XXXXX) Walnut Strat 1981-82-83
CE(XXXXX) Precision Bass Special from 1981, Black and Gold Tele from 1981-82
CD(XXXXX)
CO(XXXXX) Precision Bass Special (Walnut) from 1982
GO(XXXXX) Precision Bass Special (Walnut) from 1982, Gold Strat 1982-83
D(XXXXXX) Jazz Bass from 1982
SE(XXXXXX)
SN(XXXXXX)
SZ(XXXXXX)
Signature Series Instruments
SE8(XXXXX)-’88, SE9(XXXXX)-’89
SN0(XXXXX)-’90, SN1(XXXXX)-’90, SN2(XXXXX)-’92, etc.
SZ0(XXXXX)-’00, SZ1(XXXXX)-’01, SZ2(XXXXX)-’02, etc.
3 DIGITS OF 500 35TH Anniversary Strat from 1989-1990
G(XXXXXX) “STRAT” from about 1980, (Gold hardware, 2 position rotary tone switch)
4 DIGITS STAMPED ON BRIDGE PLATE U.S. ’52 Vintage Telecaster 1982-1988 (Check neck date for specific year)
5 DIGITS STAMPED ON BRIDGE PLATE U.S. ’52 Vintage Telecaster 1988-present (Check neck date for specific year)
T(XXXXXX) Tribute series instruments
C(XXXXXX) Collectors Series
XN(XXXXX) FSRs and ’52 Teles



Manutenzione: Stratocaster – Regolazioni e Manutenzione

Anonimo scrive: “Le procedure e le specifiche di regolazione per la Stratocaster che seguono sono state ottenute usando le corde con le quali lo strumento viene equipaggiato come dotazione standard dalla fabbrica. Se avete intenzione di cambiare lo spessore delle corde, può darsi che in qualche modo dobbiate riaggiustare le specifiche descritte, per compensare la differenza di sezione delle corde.È anche possibile effettuare modifiche alle specifiche (all’interno di parametri limitati) per adattarle al vostro personale stile di esecuzione (ovvero la forza della vostra pennata per la singola nota o per gli accordi e la forza con cui premete sui tasti). Nota: quelle che seguono sono specifiche minime che hanno scopo di riferimento, e non vanno interpretate come regole assolute o di regolazione immediata, dato che le necessità soggettive di ogni esecutore possono essere piuttosto diverse. Strumenti necessari

– Set di spessimetri da carrozziere (da 0,5 a 5 mm)
– Regolo o calibro, righello millimetrato
– Lubrificante meccanico leggero (da modellismo)
– Cacciavite a stella
– Accordatore Elettronico
– Forbicine
– Tiracantino
– Panno e lucido

Corde

Cominciamo dalle corde. Prima di tutto, affinché le corde restino ben accordate, bisogna sostituirle regolarmente. Corde che hanno perso la propria integrità (consumate dallo sfregamento sui tasti) o che si sono ossidate, arrugginite o sporcate non danno l’intonazione corretta. Per controllare se le corde vanno cambiate, fate scorrere un dito sotto ogni corda per vedere se c’è dello sporco o se ci sono dei segmenti ruvidi o rugosi. Se trovate qualcosa del genere, le corde vanno cambiate. Indipendentemente dallo spessore di corde che usate, sia che siano in nickel, in metallo nichelato o in acciaio inossidabile, per ottenere la massima stabilità dell’accordatura vi raccomandiamo di usare corde Fender® Bullet®. Il loro nottolino terminale (“bullet”) brevettato è stato progettato specificamente per permettere l’uso di qualsiasi tipo di tremolo, dai più leggeri passaggi di vibrato alla più estrema variazione del tono (“dive bomb”). Questo tipo di progettazione permette alla corda di viaggiare liberamente nel canale di blocco del ponte durante l’uso del tremolo, per poi poter tornare alla propria posizione originale, alloggiata perfettamente nel blocco del ponte. Questo lo si è ottenuto eliminando l’involontaria rotazione della corda ed il terminale a sferetta (dato che la sferetta non si adatta correttamente al canale della corda). Il nottolino terminale è stato conformato e dimensionato in modo da adattarsi alla progettazione del canale di blocco del ponte.

Fate in modo di stirare correttamente le corde. Dopo aver montato un nuovo set di corde ed averle portate all’intonazione, prendetele ad una ad una, metteteci le dita sotto all’altezza del primo tasto e sollevatele leggermente, muovendo le dita dal manico al ponte e viceversa. Riaccordate e ripetete questa operazione di stiratura più volte.

Chiavette di Accordatura

Sia che usiate chiavette autobloccanti, standard o vintage, il modo in cui avvolgete le corde sui perni è molto importante. Cominciate col sistemare tutte le corde sul ponte, poi caricatele sui perni come spiegato di seguito.

Chiavette Autobloccanti (Locking) – Immaginate che la paletta sia il frontale di un orologio, con la punta a ore 12 ed il capotasto a ore 6. Allineate i sei meccanismi di accordatura in modo che il foro per la prima corda sia quello a ore 1, quello per la seconda a ore 2, per la terza e la quarta a ore 3, per la quinta a ore 4 e per la sesta a ore 5. Tirate le corde attraverso i fori in modo che siano tese, poi stringete le chiavette fino a bloccare le corde. A questo punto accordatele fino all’intonazione corretta.

Chiavette Standard – Per ridurre lo scivolamento della corda a livello delle chiavette, vi raccomandiamo di usare la tecnica a cravatta. La si ottiene tirando la corda attraverso il foro, poi ruotandola e tirandola sotto se stessa in senso orario per poi riportarla sopra se stessa, in modo da creare un nodo. Bisogna che lasciate la prima corda un po’ lenta inizialmente, in modo da ottenere almeno due o tre giri intorno al perno. Via via che progredite verso la sesta corda, lasciate sempre meno lunghezza di corda libera, in modo da ridurre il numero di giri intorno al perno.

Chiavette Vintage – Per questo tipo di chiavette probabilmente dovrete tagliare le corde prima di montarle in modo da ottenere la lunghezza corretta e la quantità voluta di avvolgimenti intorno al perno. Tirate la sesta corda fino alla quarta chiavetta e tagliatela (fate in modo che, quando tirate, la corda sia ben tesa). Tirate la quinta corda fino alla terza chiavetta e tagliatela. Tirate la quarta corda tra la prima e la seconda chiavetta e tagliatela. Tirate la terza corda fino circa alla cima della paletta e tagliatela. Tirate la seconda corda fino a circa 12 – 13 mm. sopra la paletta e tagliatela. Infine tirate la prima corda a circa 38 mm. (4 cm.) sopra la paletta e tagliatela. Inserite ognuna delle corde nel foro centrale delle chiavette, ruotatele e piegatele ad un angolo di 90° ed infine avvolgetele ordinatamente in modo che gli avvolgimenti siano verso il basso (con attenzione, in modo che non ci siano sovrapposizioni degli avvolgimenti).

Se le chiavette della vostra chitarra hanno una vite alla base, controllate con quanta forza queste viti sono state strette. Sono viti che controllano la tensione del meccanismo all’interno delle chiavette. NON stringetele troppo. Vanno strette con la stessa forza con cui le si potrebbe stringere “a mano” e non oltre, e questo è davvero importante soprattutto per le chiavette autobloccanti.

Tremolo

Le Stratocaster possono avere quattro specifici tipi di ponte. Il ponte più conosciuto è il tremolo stile vintage “sincronizzato”. Gli altri tre sono il ponte American Standard, che è un ponte a doppio perno moderno, il ponte rigido senza tremolo ed il tremolo a blocco, o “Floyd Rose® locking” tipo quello della American Deluxe. Se avete un ponte “rigido” senza tremolo, andate al punto che riguarda l’Intonazione (Regolazione di base). Se avete un ponte col tremolo a blocco cliccate qui.

Prima di tutto, togliete il coperchio posteriore del tremolo. Controllate l’accordatura. Cominciamo con un ponte di tremolo stile vintage. Ecco un suggerimento alla grande per migliorare le prestazioni di questo ponte: usando il braccio del tremolo, tirate indietro il ponte ad incassarlo nel corpo. Allentate le sei viti posizionate sul bordo frontale della piastra del ponte. Sollevatele in modo che tutte le viti siano approssimativamente un millimetro e mezzo sopra la parte superiore della piastra del ponte. Infine, stringete nuovamente le due viti esterne fino a che sono incassate alla parte superiore della piastra del ponte. A questo punto, il ponte avrà come perno le due viti esterne, mentre le quattro viti interne rimarranno in posizione, aumentando la stabilità del ponte stesso. Nel caso di un ponte a doppio perno come l’American Standard, usate il braccio del tremolo per tirare indietro il ponte in modo che sia incassato nel corpo e regolate le due viti di perno al punto in cui la piastra del tremolo rimane interamente incassata nel corpo (in modo da non essere sollevata ne sul davanti ne sul retro della piastra).

Facendo in modo che il ponte possa fluttuare liberamente (senza alcuna tensione applicata al braccio del tremolo) ed usando le due viti a coda di rondine nella cavità del tremolo, regolate il ponte all’angolo voluto (le specifiche Fender sono di un gap di 1/8″, circa 3 millimetri sul retro del ponte). Per ottenere il corretto bilanciamento tra le molle e le corde, dovrete rifare periodicamente l’accordatura. Se preferite un ponte incassato nel corpo, regolate la tensione delle molle in modo che sia eguale alla tensione delle corde mentre il ponte si appoggia al corpo (magari fate fare un altro mezzo giro in più ad ognuna delle viti a coda di rondine, per essere sicuri che il ponte rimanga incassato al corpo durante il bending delle corde). Attenzione: non stringete troppo le molle, cosa che applicherebbe una tensione non necessaria al braccio durante l’uso del tremolo. Infine, può essere una buona idea l’uso di una goccia di “Burro-Cacao” o di Vasellina® ai punti di contatto di perno del ponte, in modo che lavori davvero senza scatti.

Intonazione (Regolazione di Base)

Potete regolare preventivamente l’intonazione di base della vostra chitarra, misurando con un centimetro a nastro la distanza dell’interno del ponticello di capotasto al centro del dodicesimo tasto (misurando sul tasto, non sulla tastiera). Raddoppiate il valore di questa misura per avere la lunghezza di scala della vostra chitarra. Regolate la selletta di ponte della prima corda alla lunghezza della scala, misurata dall’interno del ponticello del capotasto al centro della selletta del ponte. Poi regolare la distanza della selletta della seconda corda indietro rispetto alla selletta della prima, usando lo spessore della seconda corda come misura (esempio: se lo spessore della seconda corda è di .011″, ovvero 0,3 mm. circa, spostate indietro di questa quantità la selletta della seconda corda rispetto alla selletta della prima). Spostate indietro la selletta della terza corda, rispetto a quella della seconda, usando lo spessore della terza corda come misura. La selletta della quarta corda va regolata in modo da essere parallela alla selletta della seconda corda. Continuate con la quinta e la sesta corda con lo stesso metodo usato per la seconda e la terza.

Lubrificazione e Rottura delle Corde

Lubrificare tutti i punti di contatto sul percorso sul quale viaggia la corda può essere uno degli elementi di maggior importanza nell’assicurare la stabilità dell’accordatura con l’uso del tremolo e nel ridurre l’eventualità di rottura delle corde. Per prima cosa, permetteteci di spiegare qualcuna delle cause più comuni di rottura delle corde. La prima e principale cosa che contribuisce a questo tipo di situazione è l’accumularsi di umidità al punto di contatto con la selletta del ponte. La si può attribuire all’umidità ed al contenuto di acidità che trasferite dalle mani, o direttamente all’umidità dell’aria. Un altro fattore è l’usura dovuta allafrizione tra metallo e metallo. Nel tempo, la differenza tra i metalli componenti fa in modo che reagiscano l’un l’altro, cosa che aiuta a distruggere l’integrità della corda. Il metallo più resistente attacca sempre il metallo più morbido (ed è per questo che una corda in acciaio inossidabile scava un solco o una riga nelle sellette tipo vintage). Poi scoprirete anche che corde di marchio differente si rompono in punti di tensione diversi, a causa della composizione del metallo ed alle diverse tecniche di fabbricazione. Per quanto ci riguarda, dato che siamo noi stessi a costruire le nostre corde, siamo in grado di progettarle e farle funzionare in modo che si comportino perfettamente anche di fronte alle più estreme tecniche d’uso del tremolo. Bene, uno dei modi migliori per ridurre la rottura delle corde consiste, ogni volta che cambiate le corde, nel lubrificare il punto di contatto tra la corda e la selletta con un olio per macchina leggero (che preferibilmente abbia proprietà anti-ruggine ed anti-corrosione). L’olio fa da isolante contro l’umidità e riduce la frizione e l’usura del metallo. Un altro punto di contatto che va lubrificato è… il punto in cui la corda viene bloccata al ponte. Qui farà meraviglie un po’ di Burro-Cacao applicato con uno stuzzicadenti.

Barra di Torsione (Truss-Rod)

Le chitarre ed i bassi Fender possono avere due diversi tipi di barra di torsione: il truss rod “Standard” ed il truss rod “Bi-flex”. La maggior parte dei bassi e delle chitarre Fender sono dotati di barra di torsione “Standard” (che, a sua volta, è presente in due diversi tipi, uno dei quali lo si regola alla base del manico, l’altro alla paletta, ma entrambi lavorano con lo stesso principio). Il truss rod “Standard” può correggere curvature concave, come nel caso di un manico che ha una tolleranza troppo elevata, generando una forza sul manico in direzione opposta a quella causata da un’eccessiva tensione delle corde.

In alcuni strumenti Fender viene usato un peculiare sistema di barra di torsione “Bi-Flex”. A differenza dei truss rod “Standard”, che possono correggere il manico solo nel caso in cui sia troppo concavo (curvato in modo da “alzare” le corde), il truss rod “Bi-Flex” è in grado di compensare curvature sia concave che convesse (curvature “al contrario” che “attaccano” troppo le corde al manico), generando una forza nell’una o nell’altra direzione necessaria per la correzione.

Controllate l’accordatura. Installate un capotasto mobile sul primo tasto e premete la sesta corda all’ultimo tasto.

Con lo spessimetro, controllate il gap tra la base della corda e la parte superiore dell’ottavo tasto; per avere la distanza corretta, fate riferimento alla tabella sotto.

Regolazione alla paletta (chiavetta esagonale): se il manico è troppo concavo, ruotate la regolazione del truss rod in senso anti-orario (con la chitarra nella posizione in cui la suonate, guardando il manico nella direzione dei tasti); se è troppo convesso ruotatela in senso orario.

Regolazione alla giuntura del manico (cacciavite a stella): se il manico è troppo concavo, ruotate la regolazione del truss rod in senso orario; se è troppo convesso ruotatela in senso anti-orario.

Controllate l’accordatura, poi controllate nuovamente il gap con lo spessimetro. Nota: in ogni caso, se incontrate una resistenza eccessiva o se la regolazione da effettuare è notevole, oppure se avete dei dubbi o delle difficoltà, portate la chitarra da un liutaio.

Raggio del Manico
7.25″
da 9.5″ a 12″
da 15″ a 17″

Tolleranza
.012″ (0,3 mm.)
.010″ (0,25 mm.)
.008″ (0,2 mm.)

Azione (“Action”)

Musicisti con un tocco più leggero possono lavorar bene con una azione più bassa, mentre altri hanno bisogno di un’azione più alta per evitare che le corde “friggano”. Controllate l’accordatura. Col centimetro o col calibro misurate la distanza tra la base delle corde e la parte superiore del diciassettesimo tasto. Regolate le sellette del ponte all’altezza specificata nella tabella sotto, poi riaccordate. Sperimentate varie altezze fino ad ottenere il suono ed il tipo di esecuzione che preferite. Nota: nei sistemi di tremolo a blocco l’altezza delle singole corde è preimpostata. Usate le due viti di perno per ottenere l’altezza globale che desiderate per le corde.

Raggio del Manico

Altezza delle Corde
Lato dei Bassi

Lato degli Acuti

7.25″
da 9.5″ a 12″
da 15″ a 17″

5/64″ (2 mm.)
4/64″ (1,6 mm.)
4/64″ (1,6 mm.)

4/64″ (1,6 mm.)
4/64″ (1,6 mm.)
3/64″ (1,2 mm.)

Regolazioni di Zeppatura e Micro-Angolazione
(Shimming/Micro-Tilt?)

La zeppatura è una procedura usata per regolare l’inclinazione del manico rispetto al corpo. Si posiziona una zeppa (un listello) nell’alloggiamento del manico, al di sotto della parte finale della base. Nella maggior parte delle chitarre di serie Americane, viene offerta una regolazione di Micro-Angolazione (Micro-Tilt) che elimina la necessità di una zeppa tramite l’uso di una vite esagonale installata nella parte finale della base del manico. C’è bisogno di regolare l’inclinazione del manico (sollevandone la parte finale della base all’interno dell’alloggiamento e dunque inclinando il manico all’indietro) quando l’altezza delle corde è elevata e la regolazione dell’azione è già la più bassa possibile.

Per la corretta aggiunta del listello di zeppatura, bisogna togliere il manico dall’alloggiamento sul corpo. Un listello di circa 1/4″ (6,3 mm.) di ampiezza, 1 3/4″ (44,5 mm.) di larghezza e .010″ (0,25 mm.) di spessore alza l’azione di circa 1/32″ (0,8 mm.). Nelle chitarre dotate di regolazione di Micro-Tilt, allentate le due viti al manico su entrambi i lati tramite i fori di accesso sulla piastra del manico di almeno quattro giri interi. Stringete la vite esagonale con una chiavetta esagonale da 1/8″ di circa un quarto di giro, per innalzare l’azione di circa 1/32″ (0,8 mm.). A regolazione effettuata, stringete nuovamente le viti al manico. L’inclinazione del manico della vostra chitarra è stata pre-regolato in fabbrica e nella maggior parte dei casi non ha bisogno di alcuna regolazione. Nota: se pensate che questa regolazione sia necessaria e non ve la sentite di effettuarla, portate la vostra chitarra da un liutaio.

Pickup

Regolati troppo in altro, i pickup possono causare una miriade di fenomeni inesplicabili. Premete tutte le corde all’ultimo tasto. Col righello o col calibro misurate la distanza dalla base della prima e della sesta corda alla faccia superiore dei poli. Come regola pratica, la distanza maggiore dovrebbe essere quella tra la posizione del pickup al manico con la sesta corda e la minore dovrebbe essere quella tra la posizione del pickup al ponte e la prima corda. Come punto di partenza, seguite le misure guida della tabella a seguire. Le distanze variano secondo la quantità di trazione magnetica del pickup.

Lato dei Bassi

Lato degli Acuti

Texas Special

8/64″ (3,2 mm.)

6/64″ (2,4 mm.)

Tipo Vintage

6/64″ (2,4 mm.)

5/64″ (2 mm.)

Serie Noiseless?

8/64″ (3,2 mm.)

6/64″ (2,4 mm.)

Single-Coil Standard

5/64″ (2 mm.)

4/64″ (1,6 mm.)

Humbucker

4/64″ (1,6 mm.)

4/64″ (1,6 mm.)

Lace Sensor

Vicini quanto si vuole (ma in modo da permettere la vibrazione della corda)

Intonazione (Regolazione Fine)

Queste regolazioni andrebbero fatte dopo tutte le altre specificate fino a questo punto. Regolate il selettore dei pickup nella posizione intermedia ed i controlli di tono e volume al massimo. Controllate l’accordatura. Controllate l’armonico al dodicesimo tasto di ognuna delle corde rispetto alla corrispondente nota sul tasto (fate in modo di premere la corda pareggiandola sul tasto e non sulla tastiera). Se è crescente, allungate la corda regolando indietro la selletta. Se è calante, accorciate la corda portando la selletta in avanti. Ricordate che la chitarra è uno strumento temperato per cui suonate, riaccordate ed effettuate, se necessario, ulteriori regolazioni.

Ulteriori Suggerimenti

C’è una serie di ulteriori suggerimenti che potete applicare per ottimizzare la stabilità dell’accordatura del vostro strumento e che ha più a che fare con le vostre abitudini in fatto di accordatura ed esecuzione. Ogni volta che cominciate a suonare il vostro strumento, prima di effettuare l’accordatura finale, suonate per qualche minuto, in modo da permettere alle corde di riscaldarsi. I metalli si espandono quando vengono riscaldati e si contraggono quando vengono raffreddati. Dopo aver fatto un po’ di esercizio, sia di note che di bending col tremolo, è il momento di controllare l’accordatura finale. Ricordate che per la maggior parte delle chiavette la cosa migliore è di portarle direttamente all’intonazione corretta. Infine, quando avete finito di suonare strofinate leggermente le corde, il manico ed il ponte con un panno che non lasci peli. Quando trasportate o conservate la vostra chitarra, anche per un breve periodo, evitate di lasciarla in un qualsiasi posto dove voi stessi non sareste a vostro agio.

Nota: tratto da www.fender.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informazioni & suggerimenti per chitarristi